Il teatro dei Dragomanni/3: 365 Women A Year (Spagna)

I Dragomanni teatro sono lieti di presentarvi un nuovo progetto sulla drammaturgia spagnola contemporanea, tutto al femminile.

365 WAY ©Rosanna Stefanelli
365 WAY ©Rosanna Stefanelli

Con l’antologia 365 Women A Year (Spagna) portiamo nel nostro Paese otto opere di altrettante drammaturghe legate dalla stessa volontà artistica: dare voce e corpo ad alcune importanti figure femminili che non hanno mai avuto il giusto riconoscimento nella Storia o nell’Arte.

Beatriz Cabur, Diana Cristóbal, Inge Martín, Vanesa Sotelo, Margarita Reiz, Inmaculada Alvear, Yolanda Dorado e Denise Despeyroux hanno raccolto l’invito di Jess Eisenberg ­–  ideatrice del progetto internazionale 365 Women A Year – e dato nuova luce a Nefertiti, Saffo, María Blanchard, Maruja Mallo, Jineth Bedoya, Carlota O’Neill, Amma e Maria Stuarda.

Ogni opera di questa raccolta nasce dal desiderio, condiviso dalle autrici, di guardare in faccia una realtà del teatro e della cultura contemporanea che, a ben vedere, riguarda ciascuno di noi e dall’esigenza di agire in questa realtà al fine di costruirne una nuova.

(Dall’introduzione di Beatriz Cabur)

Nel teatro le donne non hanno voce. Non veniamo ascoltate, non veniamo rappresentate; i personaggi femminili, che per di più stanno lì soltanto per appoggiare il protagonista maschile, sono scritti da uomini. […] Quando non si ascoltano le voci femminili, il mondo smette di essere un posto sicuro. I Paesi in cui alle donne è proibito parlare sono un perenne campo di battaglia. Non è solo un problema delle scene; quando esigiamo di essere ascoltate non ci guida la vanità e tantomeno l’ego, ci guida la certezza che il mondo sia peggiore senza di noi. In tutti i sensi e in tutti gli ambiti.” […] Le drammaturghe che fanno parte del progetto non si sono limitate a scrivere le proprie opere, hanno fatto ciò che il genere drammatico esige: le hanno portate nel mondo. Le opere di 365 Women A Year stanno avendo un impatto storico sulla scena globale. Le drammaturghe hanno formato gruppi di lavoro con cui promuovono a livello locale i propri testi; alcune sono registe, altre produttrici; altre ancora assumono personale e affittano spazi. Questo progetto sta modificando il panorama delle scene e, nel contempo, sta creando ricchezza culturale ed economica. […] Noi drammaturghe abbiamo l’obbligo di essere libere nel nostro modo di scrivere, nei soggetti che scegliamo e nelle modalità in cui decidiamo di sviluppare le storie che vogliamo portare in scena. Senza paura. Coscienti della più radicata ingiustizia che soggiace a tutto[…].

365 WAY ©Rosanna Stefanelli
365 WAY ©Rosanna Stefanelli

I Dragomanni teatro hanno sposato con entusiasmo il progetto delle drammaturghe spagnole di 365 Women A Year, creando anche in Italia un gruppo di lavoro composto da sole donne.

Marta Graziani, Alessia Riz, Federica Rutigliano, Stella Sacchini e Giovanna Zunica hanno tradotto e rivisto le otto opere; Rosanna Stefanelli le ha arricchite con le sue illustrazioni di copertina e Valentina Volpi si è occupata di impaginare i testi e creare l’ebook che ora è a vostra disposizione.

L’antologia 365 Women A Year (Spagna) è in vendita su Streetlib (formato .ePub), nel Kindle Store (formato .Mobi e .AZW) e in tutte le altre librerie in rete.

Per saperne di più su formati, dispositivi e come avere gli e-book dei Dragomanni teatro, date un’occhiata alla nostra Guida.

Buona lettura!

Un pensiero riguardo “Il teatro dei Dragomanni/3: 365 Women A Year (Spagna)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *